BANDIERA DELLA CONGREGAZIONE

1. Ogni Patria ha il suo stendardo glorioso, sul quale i figli vedono il ritratto della terra dove sono nati e sentono il sacro dovere di amarla, rispettarla e difenderla e, per liberarla dalle mani nemiche, arrivano, se necessario, a spargere il proprio sangue. Il Vaticano ha la sua bandiera bianca e gialla; lo stendardo glorioso del piccolo stato, nonostante le continue lotte che lo hanno minacciato, rimane impavido perché, nel corso dei secoli, i suoi milioni di figli continuano a difenderlo, anche a costo della propria vita.

2. Anche la nostra Congregazione, incorporata nella Chiesa di Cristo, ha la sua bandiera nella quale ognuna delle sue figlie deve vedere il ritratto della sua famiglia, il suo spirito il suo fine.

3. Per il nostro stendardo sono stati scelti i colori bianco, azzurro e giallo. Nel giallo interpretiamo l'immortalità della Chiesa e nell'azzurro la protezione di Maria. Il bianco, posto tra il giallo e l'azzurro, rappresenta la purezza angelica che è la forza magnetica che attrae le anime e dà alla fisionomia della missionaria, uno splendore che le fa irradiare una bellezza spirituale che fa pensare al cielo. Domina in esso lo scudo che è l'emblema della nostra Congregazione.

4. Dobbiamo difendere la nostra bandiera e rappresentarla integralmente per mezzo della nostra condotta e se per renderla gloriosa sarà necessario dare anche la nostra vita non dobbiamo ritrarci, né esitare, perché la grandezza, la santità e la gloria di una Congregazione dipendono dalla fermezza, dall'amore e dal coraggio delle sue figlie.

5. Quanto più grande sarà l'amore di ogni figlia tanto più glorioso sarà il destino e la storia della Congregazione e più fecondi i frutti del suo lavoro apostolico.