BEATIFICAZIONE DI MADRE LEONIA MILITO

Tutta la vita di Madre Leonia è stata rivolta alle persone bisognose. Con tutti ha condiviso gioie e dolori, sofferenze e speranze. Madre Leonia, più che condizioni materiali, offriva a tutti il suo cuore materno, la solidarietà piena di misericordia, la mano tesa che leniva i dolori, e indicava i cammini e diffondeva tenerezza, infondeva speranza in giorni migliori. Ella diceva: ”Cristo ha bisogno del mio cuore per continuare ad amare, delle mie mani per continuare a salvare”.

Dopo il suo ritorno alla Casa del Padre nel 1980, laici e laiche si sono associati a questa nobile missione evangelizzatrice e sono nati: L’Istituto Claretiano di laici Missionari e la Fraternità Ecclesiale Claretiana, segni evidenti della fecondità spirituale del carisma lasciato dai fondatori della Congregazione. A Londrina nel presbiterio del Santuario Eucaristico si trova la tomba di Madre Leonia. Sono molto i pellegrini che cercano la sua intercessione e molte grazie il Signore ha concesso per suo intermedio.

Il 19 marzo del 1998 nella cattedrale di Londrina, Paranà, Mons. Albano Cavallin introdusse la causa di beatificazione di Madre Leonia Milito. A settembre dello stesso anno, nella cappella dell’Istituto Cuore di Maria, sede Generale della Congregazione si realizzava la prima sessione del Tribunale Ecclesiastico, iniziandosi il processo sulla vita e virtù di questa serva di Dio.

Oltre il Tribunale Ecclesiastico, la commissione dei Censori e la commissione dei Periti in Storia, stanno lavorando nella prima tappa del processo di beatificazione. Un anno dopo delle attività del Tribunale Ecclesiastico, più di 100 persone hanno scritto al segretariato della postulazione, per comunicare grazie ricevute.

La tomba di Madre Leonia, che si trova ai piedi di Gesù Eucaristico nel suo Santuario di grazie, vuole indicare a tutti che l’Eucaristia è il cammino più sicuro per vivere il progetto del Padre, servendo a tutti, e amando specialmente i poveri. Il Padre Enedir Gonçalves di Bauru, visitando la tomba di Madre Leonia, diceva: “Ritorno a casa rinnovato, ripieno di un nuovo ardore missionario. E’ incredibile come i resti mortali di una santa sono per me eloquenti”. Questo è il senso di un processo di beatificazione nella Chiesa: stimolare il popolo di Dio alla sequela di Gesù, attraverso la testimonianza dei santi e delle sante.

I santi lasciano esempi di santità per dove passano: trasformano il mondo, seminano coraggio, forza, speranza, bontà e dinamismo profetico. Sono persone che agiscono, contemplando il volto di Dio scolpito in ogni fratello, come diceva Madre Leonia: “Santità non è se non amore”.